Penale.it

Google  

Penale.it - Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 9 aprile 2013 (dep. 23 settembre 2013), n.3 9053

 La newsletter
   gratis via e-mail

 Annunci Legali




Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 9 aprile 2013 (dep. 23 settembre 2013), n.3 9053
Condividi su Facebook

Versione per la stampa

Anche il veterinario pu˛ rispondere del reato di uccisione di animali ex art. 544bis c.p.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TERESI Alfredo - Presidente -

Dott. FRANCO Amedeo - Consigliere -

Dott. RAMACCI Luca - Consigliere -

Dott. ROSI Elisabett - rel. Consigliere -

Dott. ANDRONIO Alessandro - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

I.P. N. IL (OMISSIS);

P.M. N. IL (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 2160/2007 CORTE APPELLO di L'AQUILA, del 07/10/2011;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 09/04/2013 la relazione fatta dal Consigliere Dott. ELISABETTA ROSI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Policastro Aldo, che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso;

udito, per la parte civile, Avv. Petietti Alessio che si riporta alle conclusioni;

udito il difensore avv. Paone Ferdinando, che ha chiesto l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

1. LA Corte di appello di L'Aquila, con sentenza del 7 ottobre 2011 ha confermato la sentenza del Tribunale di L'Aquila del 29 marzo 2007, con la quale I.P. e P.M. sono stati condannati alla pena di mesi due e giorni dieci di reclusione, per il delitto di cui all'art. 544 bis c.p., perchè in concorso tra loro, (per crudeltà, modalità esclusa dal giudice di prime cure), senza necessità, il primo quale dirigente del servizio Veterinario della ASL di (OMISSIS), il secondo quale dipendente di detto servizio, avevano cagionato la morte di nove cuccioli di cane, in (OMISSIS).

2. Gli imputati, tramite il proprio difensore, con separati atti hanno proposto ricorso per cassazione, chiedendo l'annullamento della sentenza.

I., ha lamentato:

1) Erronea applicazione della legge penale in riferimento al reato di cui all'art. 544 bis c.p., in quanto elemento del fatto tipico è l'assenza di necessità, mentre di contro sussistevano ragioni di ordine sanitario e sociale, posto che risulta provato che la persona che aveva lasciato intendere di essere proprietario aveva contattato la ASL per liberarsi degli stessi e non c'era la possibilità di collocare i cuccioli nel canile e comunque avrebbero potuto creare problemi in quanto veicolo di malattie tipiche dei randagi;

all' I. si potrebbe semmai ascrivere un comportamento colposo per non essersi accertato della sussistenza del diritto di proprietà in capo al richiedente, e quindi di essere caduto in errore circa l'assenza di necessità; P., ha lamentato:

2) Erronea applicazione della legge penale in riferimento al reato di cui all'art. 544 bis c.p., in quanto elemento del fatto tipico è l'assenza di necessità, e comunque il P. ha commesso il fatto eseguendo l'ordine del dirigente del Servizio veterinario, quindi nell'adempimento del dovere ex art. 51 c.p., nella convinzione che fosse legittimo, nè lo stesso poteva apparire manifestamente criminoso criminoso, anzi il P. era convinto di effettuare una soppressione in caso di necessità.

3. La LAV, Lega antivivisezione Onlus, già costituita parte civile, ha presentato memoria, chiedendo la conferma della sentenza, ed evidenziando, quanto all'elemento soggettivo, che gli imputati dovevano essere a conoscenza che la soppressione era contraria anche al dettato della Legge Quadro Regionale L. n. 281 del 1991, che vieta la soppressione degli animali ritrovati e consente l'uccisione solo dei cani gravemente malati, incurabili o di comprovata pericolosità.

Motivi della decisione

1. I motivi di ricorso risultano manifestamente infondati. Risulta evidente che, nonostante si censuri l'errata applicazione della disposizione di cui all'art. 544 bis c.p., sotto il profilo dell'elemento psicologico, vengono nella sostanza avanzate censure che tendono a proporre una diversa lettura - più favorevole agli imputati - delle risultanze processuali, non ammissibile in sede di legittimità. Come è noto, infatti, in tema di sindacato del vizio della motivazione, il compito del giudice di legittimità non è quello di sovrapporre la propria valutazione a quella compiuta dal giudice di merito in ordine all'affidabilità delle fonti di prova, bensì di stabilire se nel giudizio di merito siano stati esaminati tutti gli elementi, se sia stata fornita una corretta interpretazione di essi e se siano state esattamente applicate le regole della logica nello sviluppo delle argomentazioni che hanno giustificato la scelta di affermare la responsabilità penale dell'imputato.

2. Deve essere premesso che la giurisprudenza di legittimità ha precisato che nella nozione di "necessità", che esclude la configurabilità dei delitti di uccisione di animali, rientra lo stato di necessità previsto dall'art. 54 c.p. ed "ogni altra situazione che induca all'uccisione (o al maltrattamento) dell'animale per evitare un pericolo imminente o per impedire l'aggravamento di un danno alla persona o ai beni ritenuto altrimenti inevitabile" (cfr. Sez. 3, n. 44822 del 24/10/2007, dep. 30/11/2007, Borgia, Rv. 238456).

3. Come emerge dalla sentenza impugnata, ed anche dalla ricostruzione dell'istruttoria dibattimentale della sentenza di primo grado, la condanna dei due veterinari per il delitto de quo è fornita di un ampio corpus motivazionale, di perfetta tenuta argomentativa, senza smagliature logiche e privo dei lamentati vizi di violazione di legge. Infatti, all'esito delle prove acquisite nel corso del giudizio di merito, la soppressione dei nove cuccioli era risultata tutt'altro che inevitabile per la tutela di valori giuridicamente significativi, requisito che solo rende effettiva, e non altrimenti superabile, una situazione di "necessità" (in tal senso si veda parte motiva di Sez. 3, n. 43230 del 12/11/2002, dep. 20/12/2002, P.M. in proc. Lentini, Rv. 223536).

4. Nè potevano sussistere margini di errore o fraintendimenti in ordine al titolo di proprietà sui cuccioli, attribuito alla persona che ebbe a sollecitare l'intervento del Servizio Veterinario della ASL, risultando tale elemento del tutto irrilevante in ordine alla valutazione di fatto della soppressione dei cuccioli. Come infatti chiarito nella decisione impugnata, la normativa regionale (L.R. Abruzzo n. 86 del 1999, artt. 13 e 14) impediva nel caso di specie, come ricostruito dai giudici di merito, la soppressione (i cuccioli erano in buona salute, accuditi da volontari, erano collocati all'interno di un terreno recintato), non sussistendo nessun pericolo, se non ipotetico, nè per la circolazione stradale, nè per la salute delle persone e di altri animali, non potendosi certo parlare di "animali inselvatichiti", in grado da porre in pericolo "l'ordine sanitario e sociale".

5. Coerentemente, e correttamente, i giudici di appello hanno escluso la sussistenza del preteso errore da parte del ricorrente I., quanto alla sussistenza della necessità dell'uccisione, non potendosi ammettere che il dirigente del Servizio veterinario della ASL ignorasse la normativa regionale che regola il settore, ed hanno del pari ritenuto che l'evidenza della situazione concreta non potesse in alcun modo consentire al ricorrente P., materiale esecutore del procedimento di soppressione dei cuccioli, di invocare la scriminante dell'adempimento del dovere, avendo egli dato esecuzione ad un ordine palesemente illegittimo, anche perchè contrario alla citata disciplina regionale, ben conosciuta dallo stesso, attesa la professione esercitata. Pertanto il ricorso è inammissibile e a tale pronuncia consegue, in forza del disposto di cui all'art. 616 c.p.p., la condanna di ciascuno degli imputati al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro mille in favore della Cassa delle ammende, nonchè alla rifusione delle spese sostenute nel grado dalla parte civile che si liquidano in Euro 2.500,00, oltre accessori di legge.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna ciascun ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro mille in favore della Cassa delle ammende, nonchè alla rifusione delle spese sostenute nel grado dalla parte civile che si liquidano in Euro 2.500, oltre accessori di legge. La Corte dispone inoltre che copia del presente dispositivo sia trasmessa all'Amministrazione di appartenenza del dipendente pubblico a norma del D.Lgs. n. 150 del 2009, art. 70.

Così deciso in Roma, il 9 aprile 2013.

Depositato in Cancelleria il 23 settembre 2013

 
© Copyright Penale.it - SLM 1999-2012. Tutti i diritti riservati salva diversa licenza. Note legali  Privacy policy